INFORTUNI SUL LAVORO: NUOVE REGOLE IN VIGORE DAL 12 OTTOBRE 2017

Partirà dal prossimo 12 ottobre l’obbligo del datore di lavoro di comunicare all’Inail gli infortuni subiti sul lavoro che determinano una prognosi superiore a un giorno oltre a quello dell’infortunio, in precedenza tale obbligo riguardava gli infortuni con prognosi di assenza superiore ai tre giorni oltre a quello dell’infortunio.

L’obbligo deriva da quanto disposto dal decreto 183/2016, per effetto del quale l’articolo 18 del decreto legislativo 81/2008 impone al datore di lavoro di “comunicare all’INAIL, a fini statistici e informativi, i dati relativi agli infortuni sul lavoro che comportino un’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento e, ai fini assicurativi, le informazioni relative agli infortuni sul lavoro che comportino un’assenza dal lavoro superiore a tre giorni”.

La mancata o tardiva denuncia d’infortunio comporta sanzioni pecuniarie fino a 1.972,00 euro in caso di infortuni con prognosi di un giorno e fino a 4.932,00 euro per assenze superiori ai 3 giorni

CHI E’ SOGGETTO
Tutte le aziende.
COSA FARE PER ADEGUARSI
I datori di lavoro dovranno comunicare all’Inail gli infortuni subiti sul lavoro che determinano una prognosi superiore a un giorno oltre a quello dell’infortunio.
QUANDO
Dal 12 ottobre 2017.
SANZIONI
La mancata o tardiva denuncia d’infortunio comporta sanzioni pecuniarie fino a 1.972,00 euro in caso di infortuni con prognosi di un giorno e fino a 4.932,00 euro per assenze superiori ai 3 giorni